Un passaggio di fase.

29 gennaio 2017 / 0 comments

Non è inutile ripetere quello che appare un filo conduttore, di questi tempi. Siamo in un momento di passaggio, un passaggio di fase. Se si allarga la visuale molto si può comprendere come le sincere “utopie” e gli slanci del secolo scorso siano rimasti in mezzo al guado. L’Europa non è divenuta gli Stati Uniti d’Europa ma nemmeno quel po’…

Read more →

Quando si è perso il buon senso (anche democratico e del diritto).

19 giugno 2015 / 0 comments

Poche questioni fondamentali l’informazione mette in luce, interrogando nel profondo la classe dirigente politica di questo paese. Ve ne sono alcune, anche della cronaca di queste ore, che sarebbero davvero interessanti, per misurare il livello del buon senso politico e istituzionale degli interlocutori. La prima. Un radicale (guarda un po’), Maurizio Turco, ha segnalato a…

Read more →

Di Battista, Robin Williams, il parkinson e i parkinsoniani.

19 agosto 2014 / 0 comments

Mi direte cosa c’entrano assieme Di Battista e Robin Williams, il primo e la malattia che aveva cominciato ad affliggere il secondo. Apparentemente nulla; se non che sono emblematici di un modo di affrontare le notizie, la parola che viene pronunciata in modo superficiale ed epidermico. Di Battista avrebbe detto: “Se a bombardare il mio villaggio è un aereo telecomandato…

Read more →

Pannella.

5 agosto 2014 / 0 comments

“Le nostre storie sono i nostri orti, ma anche i nostri ghetti” questa la frase pronunciata da Marco Pannella al giornalista Stefano Rolando che nel 2010, in occasione dell’ottantesimo compleanno, decide di regalargli un libro-riassunto della sua vita e che poi sarebbe destinata a dargli il titolo. Oggi, quattro anni dopo e un paio di…

Read more →

C’è ostruzionismo e (c’era) ostruzionismo.

29 luglio 2014 / 1 comment

Si fa un gran parlare, in questi giorni, di ostruzionismo: quello grillino, quello dei parlamentari dissidenti del PD. Ostruire vuol dire creare un ostacolo, richiamare l’attenzione del paese, dell’opinione pubblica come delle massime istituzioni, mediante un grumo, una dilatazione delle proprie funzioni sino al massimo possibile. Equivale a lanciare un’allerta di fronte a qualcosa che…

Read more →

Per chi ancora ignora il problema delle carceri e della esecuzione della pena.

24 luglio 2014 / 0 comments

Voltaire scriveva “la civiltà di un popolo si misura dalle sue carceri“. Quello che vi sto proponendo non è un mio articolo, non sono le mie parole. Userò la tecnica del puzzle. Tante tessere del mosaico, tante parole di persone che frequentano o hanno frequentato a vario titolo il carcere e il “mondo” dell’esecuzione penale (e non…

Read more →

Tamoil, Cremona e l’associazione radicale Piero Welby.

22 luglio 2014 / 0 comments

 Questa è una storia che non leggerete molto facilmente soprattutto nelle testate giornalistiche nazionali e comunque non la leggerete così come la sto raccontando. E’ la storia dei radicali innanzi tutto, dei radicali cremonesi e di Sergio Ravelli, radicale tanto storico quanto ignoto. Sono più di trent’anni di iniziative, di denunce pubbliche e portate sui tavoli dei…

Read more →

C’è chi si indigna e chi si impegna. Lo sciopero della fame di Rita Bernardini

19 luglio 2014 / 0 comments

Siamo un paese strano, stranissimo, questo è vero. Un paese in cui Poste Italiane approva la trattativa Aliatalia-Ethiad e cioè un soggetto, facente ancora parte del “parastato” o più poeticamente delle società partecipate da capitale (e nonime) pubblico, che si occupa di raccomandate e risparmi è messa in condizionedi esprimere un parere vincolante su un’impresa che si occupa invece di trasporti e…

Read more →

La crisi Radicale e la necessità di uscire dal “canovaccio” interno attuale.

16 luglio 2014 / 8 comments

E’ qualche tempo che ci vado pensando. Me ne sono fatto una ragione anche se ho un pò pudore a scriverne. Mi limito a fare una descrizione, la quanto più oggettiva possibile, di quello che vedo e che sento, consapevole che la politica si nutre anche di una certa benevola dose di rappresentazione. Sono tuttora iscritto…

Read more →

Qualcosa in più che il “cessate il fuoco”.

15 luglio 2014 / 5 comments

L’esperienza ci insegna che fermare la belligeranza, interrompere le ostilità non è sufficiente, a lungo andare, a sedare i sentimenti di odio, di inimicizia ma soprattutto di reciproca diffidenza. Quando facciamo cessare una lite violenta, occorre che qualcuno, qualche autorità o qualcheduno che abbia autorevolezza presso gli ex litiganti permanga nei pressi, dissuadendo la ripresa delle…

Read more →

Legge elettorale: 25 anni buttati.

10 luglio 2014 / 0 comments

Quei “favolosi” anni novanta. Non rimane quasi più nulla. Erano gli anni di “Mani Pulite”. Gli arresti per le tangenti e per il finanziamento illecito dei partiti facevano discutere, indignare, dividevano ma poi si cercava una sintesi. C’erano le demagogiche monetine a Craxi ma poi c’era anche il suo discorso alla Camera prima della dipartita a Tunisi….

Read more →

Le scuse dopo 30 anni…

29 giugno 2014 / 2 comments

Trenta anni fa frequentavo la 3° media alla Cocco Ortu; abitavo in una periferia romana e di là a poco io e mio fratello saremmo stati, nostro malgrado, protagonisti di un episodio balzato alla cronache nazionali: il sequestro di un’intera classe di alunni e l’omicidio di un bidello da parte di uno squilibrato entrato nella Scuola armato….

Read more →