La verità (è che ci sono brani musicali che sono…)

30 gennaio 2017 / 0 comments

Ci sono testi, brani musicali, poesie che hanno il pregio di condensare, meglio includere, un momento, un periodo dell’esistenza di un individuo. Pochissimi, però, sono quelli che partendo da un’esistenza distillano anche quello che un periodo storico-sociale è capace di fare, di provocare sul percorso di un’artista, di un cercatore, di qualcuno che non dà nulla per scontato. Questi…

Read more →

(Non solo degli Usa e) della questione delle armi.

11 luglio 2016 / 0 comments

Corro il rischio di essere accusato di semplificazione; ma delle volte potrebbe valerne la pena. Ho sempre pensato che un mezzo, uno strumento, un attrezzo potesse, via via nel corso del suo impiego, in qualche modo finire per modificare l’attività, e i suoi contenuti, per i quale è stato pensato e impiegato; anche ben oltre le intenzioni degli inventori….

Read more →

Il paradosso del gatto di Schrodinger e (la scoperta del)le reali alternative.

6 luglio 2016 / 0 comments

Lungi da me dall’approcciare con metodo e linguaggio scientifici qualcosa che non mi appartiene fino in fondo in termini di studi e di cultura. Tutt’altro; il tentativo che mi appresto a fare è quello di trarre solo qualche suggestione dal famoso paradosso che il fisico  Erwin Schrödinger,  ipotizzò con lo scopo di illustrare come l’interpretazione “ortodossa”…

Read more →

Quando si è perso il buon senso (anche democratico e del diritto).

19 giugno 2015 / 0 comments

Poche questioni fondamentali l’informazione mette in luce, interrogando nel profondo la classe dirigente politica di questo paese. Ve ne sono alcune, anche della cronaca di queste ore, che sarebbero davvero interessanti, per misurare il livello del buon senso politico e istituzionale degli interlocutori. La prima. Un radicale (guarda un po’), Maurizio Turco, ha segnalato a…

Read more →

L’eredità di Robin Williams non appartiene a nessuno (e quindi all’umanità).

2 aprile 2015 / 0 comments

La notorietà e la reale bravura stanno sicuramente in una possibile connessione; una connessione difficile da indagare in ordine all’eventuale esistenza di un rapporto di proporzionalità in una società, come la nostra,  fondata sulla promozione in genere e sulla promozione delle immagine al di là, anzi quasi a prescindere, di reali meriti e potenzialità. Un artista è un uomo o una donna…

Read more →

La “morte”, il passaggio e il senso.

29 marzo 2015 / 0 comments

Per chi crede, ogni anno, la “settimana santa” è settimana di preghiera ma soprattutto di riflessione, di interrogativi a cominciare dalla domanda: “che cos’è la morte ?”. E a cascata: “cosa è la vita ? Quale significato possiamo attribuirle se la traguardiamo dal significato e dalla ragione degli ultimi istanti, se la interroghiamo partendo dall’evento che la interrompe, da quel…

Read more →

Che la terra ti sia lieve, Giorgio.

4 luglio 2014 / 0 comments

Non ho mai letto un libro di Giorgio Faletti. Certo son cresciuto a pane e Drive In, che si vedeva rigorosamente di nascosto dai genitori. I suoi personaggi erano i più ricercati e quindi studiati, molte volte emblemi caricaturali di un rampantismo ignorante e danaroso degli anni 80 che ci portiamo avanti o specchi di vere e antropologie marginali, comiche…

Read more →