Che la terra ti sia lieve, Giorgio.

4 luglio 2014 - Old

Non ho mai letto un libro di Giorgio Faletti. Certo son cresciuto a pane e Drive In, che si vedeva rigorosamente di nascosto dai genitori. I suoi personaggi erano i più ricercati e quindi studiati, molte volte emblemi caricaturali di un rampantismo ignorante e danaroso degli anni 80 che ci portiamo avanti o specchi di vere e antropologie marginali, comiche di per sé,  ma perfettamente riconoscibili.

Ho letto, invece, frasi ed aforismi tratti dai suoi libri, dalle sue interviste, quelle più recenti da scrittore. Li ho trovati mai banali e scontati; pezzi di verità da incastrare nel mosaico della vita, perlomeno della sua.

Che la terra ti sia lieve

Che la terra ti sia lieve

Anche la sua ultima produzione, affidata a Facebook ha il pregio di far pensare: “A volte immaginare la verità è molto peggio che sapere una brutta verità. La certezza può essere dolore. L’incertezza è pura agonia.”

Che la terra ti sia lieve, Giorgio (link)

› tags: Giorgio Faletti / morte / scrittore / terra / verità /